{"video":[{"pos":{"top":0,"left":0},"time":{"start":32,"end":1158.722177},"spot":null,"idx":0,"id":"vd-0","videoId":0},{"pos":{"top":0,"left":0},"time":{"start":430,"end":1158.722177},"spot":null,"idx":1,"id":"vd-1","videoId":1},{"pos":{"top":0,"left":0},"time":{"start":466,"end":1158.722177},"spot":null,"idx":2,"id":"vd-2","videoId":2},{"pos":{"top":0,"left":0},"time":{"start":988,"end":1158.722177},"spot":null,"idx":3,"id":"vd-3","videoId":3}],"contents":[{"id":"wk-0","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":64.8,"end":94.8},"art":"Crocus","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n<p><i><b>Crocus</b></i> <small>L. 1753</small> è un genere di piante spermatofite monocotiledoni appartenenti alla famiglia delle Iridaceae. Sono piante erbacee perenni dalla tipica infiorescenza a forma di coppa.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1130\nCPU time usage: 0.296 seconds\nReal time usage: 0.330 seconds\nPreprocessor visited node count: 520/1000000\nPreprocessor generated node count: 5422/1500000\nPost‐expand include size: 6667/2048000 bytes\nTemplate argument size: 986/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 8/40\nExpensive parser function count: 0/500\nLua time usage: 0.004s\nLua memory usage: 484 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Crocus\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Crocus"},{"id":"wk-1","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":143.1,"end":173.1},"art":"Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/0/03/Flag_of_Italy.svg/20px-Flag_of_Italy.svg.png\"></div><br><div><p><span style=\"font-size: small;\"></span></p>\n\n<p>Il <b>Parco nazionale Gran Sasso e Monti della Laga</b> è un parco nazionale istituito nel 1991 e situato nella maggior parte in Abruzzo (provincia dell'Aquila, Teramo e Pescara) ed in misura minore nelle zone adiacenti del Lazio (Rieti) e delle Marche (Ascoli Piceno).<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1192\nCPU time usage: 0.360 seconds\nReal time usage: 0.416 seconds\nPreprocessor visited node count: 1709/1000000\nPreprocessor generated node count: 8950/1500000\nPost‐expand include size: 13045/2048000 bytes\nTemplate argument size: 4242/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 14/40\nExpensive parser function count: 2/500\nLua time usage: 0.008s\nLua memory usage: 490 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga"},{"id":"wk-2","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":224.2,"end":254.2},"art":"Apis","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n\n\n<p><br>\n<b>Apis</b> <span style=\"font-variant: small-caps\">Linnaeus</span> è un genere di insetti sociali della famiglia Apidae. È l'unico genere della tribù <b>Apini</b>.<br>\nDue delle specie comprese nel genere possono essere allevate dall'uomo ovvero <i>Apis mellifera</i> e <i>Apis cerana</i>.</p>\n<p>L'<i>Apis mellifera</i>, diffusa in tutti i continenti ad esclusione delle zone artiche ed antartiche, è l'unica conosciuta in Europa. L'<i>Apis dorsata</i> risiede in particolar modo in India e nel Sud-Est asiatico, non è una specie domestica, ha la particolarità di costruire il favo aperto ed è di dimensioni ragguardevoli, tanto da meritarsi il nome di <i>ape gigante dell'India</i>. Nelle stesse zone prolifera l'<i>Apis cerana</i>, di dimensioni però più contenute, che ha il suo habitat in Medio ed Estremo Oriente, in particolare in Afghanistan, Pakistan, India, Siberia, Cina e Giappone.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1192\nCPU time usage: 0.228 seconds\nReal time usage: 0.266 seconds\nPreprocessor visited node count: 528/1000000\nPreprocessor generated node count: 6348/1500000\nPost‐expand include size: 7659/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1547/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\nLua time usage: 0.003s\nLua memory usage: 484 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Apis\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Apis"},{"id":"wk-3","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":412.9,"end":442.9},"art":"Falco biarmicus","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>Il <b>Lanario</b> (<i>Falco biarmicus</i>, Temminck 1825) vive in Africa, nella penisola arabica, in Asia minore, in Italia e nei Balcani. Non si trova in Europa centrale. Il nome deriva dalla classificazione precedente <i>Falco lanarius</i>. Il termine attuale si riferisce al fatto di avere un rostro aggiuntivo posto sotto il becco chiamato \"dente\" e presente in tutti i rapaci e in alcuni passeriformi come le averle (doppia arma, <i>bi-armicus</i>).</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1190\nCPU time usage: 0.180 seconds\nReal time usage: 0.215 seconds\nPreprocessor visited node count: 469/1000000\nPreprocessor generated node count: 5989/1500000\nPost‐expand include size: 7324/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1169/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Falco biarmicus\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Falco biarmicus"},{"id":"wk-4","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":288.3,"end":318.3},"art":"Ursus arctos marsicanus","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>L'<b>orso bruno marsicano</b> (<i>Ursus arctos marsicanus</i> <small>Altobello, 1921</small>) è un mammifero onnivoro della famiglia degli Ursidi: in particolare, si tratta di una sottospecie dell'orso bruno (<i>Ursus arctos</i>) endemica dell'Italia centro-meridionale, dove sopravvive con una cinquantina di esemplari.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1200\nCPU time usage: 0.160 seconds\nReal time usage: 0.191 seconds\nPreprocessor visited node count: 441/1000000\nPreprocessor generated node count: 5905/1500000\nPost‐expand include size: 5383/2048000 bytes\nTemplate argument size: 732/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Ursus arctos marsicanus\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Ursus arctos marsicanus"},{"id":"wk-5","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":375.1,"end":405.1},"art":"Monti Marsicani","lang":"it","wiki":"<div>\n<p>I <b>Monti Marsicani</b> sono il sesto gruppo montuoso più elevato dell'Appennino continentale, appartenente all'Appennino abruzzese, culminante nel Monte Greco (2285 m) e localizzato nella parte meridionale della regione storica della Marsica, in provincia dell'Aquila e, marginalmente, nella provincia di Frosinone e Isernia.</p>\n<p>Sono delimitati a nord dall'alveo del Fucino e dalla conca Peligna, a est dalla valle del fiume Gizio e dall'Altopiano delle Cinquemiglia, a sud dalle valli del Sangro e del Volturno, a ovest dalle valli del Liri e del Melfa.</p>\n<p>Si tratta di un insieme di montagne dall'orografia aspra e molto articolata, caratterizzate da un ambiente naturale selvaggio e ben preservato, con estese foreste di faggio ed emergenze faunistiche quali l'orso marsicano, il lupo appenninico ed il camoscio d'Abruzzo. Questa situazione è dovuta soprattutto all'ormai quasi secolare presenza del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, che, tra parco propriamente detto e area di protezione esterna, protegge la quasi totalità di questo gruppo montuoso.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1140\nCPU time usage: 0.084 seconds\nReal time usage: 0.099 seconds\nPreprocessor visited node count: 1/1000000\nPreprocessor generated node count: 4/1500000\nPost‐expand include size: 0/2048000 bytes\nTemplate argument size: 0/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 1/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Monti Marsicani\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Monti Marsicani"},{"id":"wk-6","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":457.1,"end":487.1},"art":"Rupicapra pyrenaica ornata","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>Il <b>camoscio d’Abruzzo</b> o <b>camoscio appenninico</b> (<i>Rupicapra pyrenaica ornata</i> <small>Neumann, 1899</small>) è un mammifero artiodattilo della sottofamiglia dei Caprini.</p>\n<p>Si tratta di una sottospecie di camoscio a sé stante: i camosci appenninici, infatti, sono una popolazione ben distinta cioè sia da quella alpina (<i>Rupicapra rupicapra</i>, alla quale un tempo questi animali erano accorpati come sottospecie -<i>R. rupicapra ornata</i>-), che da quella pirenaica (<i>Rupicapra pyrenaica</i>), alla quale tuttavia è ascritta col rango di sottospecie.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1207\nCPU time usage: 0.164 seconds\nReal time usage: 0.190 seconds\nPreprocessor visited node count: 427/1000000\nPreprocessor generated node count: 5789/1500000\nPost‐expand include size: 5843/2048000 bytes\nTemplate argument size: 818/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Rupicapra pyrenaica ornata\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Rupicapra pyrenaica ornata"},{"id":"wk-7","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":810.2,"end":840.2},"art":"Villalago ","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/c/c8/Villalago-Stemma.png/71px-Villalago-Stemma.png\"></div><br><div>\n<p><b>Villalago</b> (<i>la Vìlla</i> in abruzzese) è un comune italiano con 589 abitanti (residenti censimento ISTAT 2011) nella provincia dell'Aquila in Abruzzo. Fa parte della Comunità montana <i>Peligna</i> e dei Borghi più belli d'Italia.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1191\nCPU time usage: 0.600 seconds\nReal time usage: 0.686 seconds\nPreprocessor visited node count: 2649/1000000\nPreprocessor generated node count: 14940/1500000\nPost‐expand include size: 26148/2048000 bytes\nTemplate argument size: 2954/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 21/40\nExpensive parser function count: 6/500\nLua time usage: 0.076s\nLua memory usage: 662 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Villalago\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Villalago"}]}

Vita da orsi

 

Youdoc per Lipu

Le tue playlist

In questa area puoi vedere tutti i video che hai memorizzato e che ti sono piaciuti e puoi creare playlist personali.
Per accedere a questa area registrati.
Realizzato grazie al contributo del POR FESR Regione Lazio 2007-2013 – Asse I – Avviso Pubblico "Insieme x Vincere" – Prot. Domanda n.SVLAZ-SU-2012-1038 – Codice CUP n. F84E14000930007 e Avviso pubblico per la presentazione di progetti di innovazione delle micro e piccole imprese - Prot. FILAS-MI-2011-1343 del 3/8/2012 – CUP F87I1200233007
Sponsor