{"video":[{"pos":{"top":0,"left":0},"time":{"start":147,"end":1709.522721},"spot":null,"idx":0,"id":"vd-0","videoId":0},{"pos":{"top":0,"left":0},"time":{"start":487,"end":1709.522721},"spot":null,"idx":1,"id":"vd-1","videoId":1},{"pos":{"top":0,"left":0},"time":{"start":634,"end":1709.522721},"spot":null,"idx":2,"id":"vd-2","videoId":2},{"pos":{"top":0,"left":0},"time":{"start":818,"end":1709.522721},"spot":null,"idx":3,"id":"vd-3","videoId":3}],"contents":[{"id":"wk-0","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":49.7,"end":79.7},"art":"Estremadura","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/7/76/Coat_of_Arms_of_Extremadura.svg/80px-Coat_of_Arms_of_Extremadura.svg.png\"></div><br><div>\n<p>L'<b>Estremadura</b> (<i>Extremadura</i> in spagnolo, <i>Estremaura</i> in estremegno) è una comunità autonoma nella parte sud-occidentale della Spagna. Comprende le province di Cáceres e Badajoz.</p>\n<p>Alcune tra le città più importanti sono: Cáceres, Badajoz, e Mérida, il capoluogo della comunità autonoma. Per le altre municipalità si vedano le liste per provincia:</p>\n\n<p>L'Estremadura confina con la Castiglia e León a nord, la Castiglia-La Mancia a est, l'Andalusia a sud ed il Portogallo (regioni Alentejo e Centro) ad ovest. È una zona importante per la vita selvatica, in particolare per la grande riserva naturale di Montfragüe.</p>\n<p>Bajadoz e Cáceres sono la prima e la seconda tra le province spagnole per dimensioni.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1145\nCPU time usage: 0.444 seconds\nReal time usage: 0.508 seconds\nPreprocessor visited node count: 1182/1000000\nPreprocessor generated node count: 10461/1500000\nPost‐expand include size: 13390/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1847/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 14/40\nExpensive parser function count: 4/500\nLua time usage: 0.010s\nLua memory usage: 487 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Estremadura\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Estremadura"},{"id":"wk-1","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":239.2,"end":269.2},"art":"Ciconia nigra","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>La <b>Cicogna nera</b> (<i><b>Ciconia nigra</b></i> Linnaeus, 1758) è un uccello della famiglia delle Ciconiidae.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1198\nCPU time usage: 0.172 seconds\nReal time usage: 0.210 seconds\nPreprocessor visited node count: 464/1000000\nPreprocessor generated node count: 6049/1500000\nPost‐expand include size: 6819/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1035/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Ciconia nigra\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Ciconia nigra"},{"id":"wk-2","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":290.9,"end":320.9},"art":"Neophron percnopterus","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n<p>Il <b>capovaccaio</b> (<i>Neophron percnopterus</i>) è un rappresentante degli Aegypiinae. <span title=\"Il testo selezionato deve essere comprovato da una fonte affidabile. Modifica la pagina per aggiungere fonti.\" style=\"background:#ffeaea; color:#444444\">È il più piccolo avvoltoio africano.</span></p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1191\nCPU time usage: 0.216 seconds\nReal time usage: 0.254 seconds\nPreprocessor visited node count: 607/1000000\nPreprocessor generated node count: 7362/1500000\nPost‐expand include size: 9966/2048000 bytes\nTemplate argument size: 2123/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 3/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Neophron percnopterus\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Neophron percnopterus"},{"id":"wk-3","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":466.6,"end":496.6},"art":"Bos taurus","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n\n\n<p>Il <b>bue domestico</b> (<i><b>Bos taurus</b></i> <span style=\"font-variant: small-caps\">Linnaeus</span>, 1758), conosciuto anche semplicemente come \"bue\", è una specie di mammifero artiodattilo appartenente alla famiglia Bovidae.</p>\n<p>La femmina del bue domestico viene allevata per trarne il latte, il liquido secreto dalla ghiandola mammaria per l'alimentazione dei cuccioli, molto usato nell'alimentazione umana, sia come bevanda sia come materia prima da cui ricavare formaggio, panna, burro, ricotta e altri derivati del latte.</p>\n<p>I vitelli (cioè i maschi entro il primo anno di vita) vengono allevati principalmente per la carne: solo una parte viene infatti lasciata crescere per destinarla alla riproduzione.</p>\n<p>Prima della meccanizzazione agricola (e dunque ancora oggi in molte aree del mondo) i buoi, essendo forti come i tori ma molto più mansueti grazie alla castrazione, erano spesso impiegati anche come forza motrice per macchine agricole e mezzi di trasporto.</p>\n<p>Dalle deiezioni bovine (letame o liquami) si possono ottenere molti macroelementi e microelementi per la coltivazione dei terreni agricoli, in primis l'azoto, utile per la crescita delle piante.</p>\n<p>A cavallo tra XX e XXI secolo, l'allevamento dei bovini è stato messo sotto accusa per l'effetto serra che produce: il biochimismo digestivo bovino (e dei ruminanti in generale) produce infatti metano, gas a effetto serra.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1193\nCPU time usage: 0.252 seconds\nReal time usage: 0.347 seconds\nPreprocessor visited node count: 657/1000000\nPreprocessor generated node count: 6708/1500000\nPost‐expand include size: 9668/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1690/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Bos taurus\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Bos taurus"},{"id":"wk-4","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":503.9,"end":533.9},"art":"Milvus migrans","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n<p>Il <b>nibbio bruno</b> (<i>Milvus migrans</i>, Boddaert 1783) è un uccello rapace della famiglia degli accipitridi. È di gran lunga il rapace più diffuso al mondo.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1191\nCPU time usage: 0.204 seconds\nReal time usage: 0.241 seconds\nPreprocessor visited node count: 498/1000000\nPreprocessor generated node count: 6356/1500000\nPost‐expand include size: 7319/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1087/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\nLua time usage: 0.004s\nLua memory usage: 490 KB\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Milvus migrans\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Milvus migrans"},{"id":"wk-5","pos":{"top":5,"left":97},"time":{"start":854.3,"end":884.3},"art":"Conquistadores","lang":"it","wiki":"<div>\n<p>Il termine spagnolo e portoghese <i><b>Conquistadores</b></i> (trad. it. <i>Conquistatori</i>) è comunemente usato per riferirsi ai soldati, agli esploratori ed agli avventurieri che portarono gran parte delle Americhe sotto il controllo dell'impero coloniale spagnolo tra il XV e il XVII secolo.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1203\nCPU time usage: 0.052 seconds\nReal time usage: 0.063 seconds\nPreprocessor visited node count: 1/1000000\nPreprocessor generated node count: 4/1500000\nPost‐expand include size: 0/2048000 bytes\nTemplate argument size: 0/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 1/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Conquistadores\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Conquistadores"},{"id":"wk-6","pos":{"top":5,"left":97},"time":{"start":1228.8,"end":1258.8},"art":"Aegypius monachus","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n\n<p>L'<b>avvoltoio monaco</b> (<i><b>Aegypius monachus</b></i> <span style=\"font-variant: small-caps\">Linnaeus, 1766</span>), unica specie del genere <i><b>Aegypius</b></i> <span style=\"font-variant: small-caps\">Savigny, 1809</span>, è un uccello della famiglia degli Accipitridi originario dell'Eurasia sud-occidentale e centrale.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1208\nCPU time usage: 0.196 seconds\nReal time usage: 0.227 seconds\nPreprocessor visited node count: 504/1000000\nPreprocessor generated node count: 6159/1500000\nPost‐expand include size: 7510/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1153/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Aegypius monachus\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Aegypius monachus"},{"id":"wk-7","pos":{"top":5,"left":97},"time":{"start":1286.8,"end":1316.8},"art":"Fulica","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>Le <b>folaghe</b> sono uccelli acquatici di medie dimensioni appartenenti alla famiglia dei ralli. Costituiscono il genere <i><b>Fulica</b></i>.</p>\n<p>La maggior varietà di specie si riscontra in Sudamerica ed è probabile che questo genere abbia avuto origine là.</p>\n<p>Questi ralli hanno un piumaggio quasi completamente nero e, diversamente da molti ralli, sono solitamente facili da vedere, dal momento che nuotano spesso in acque aperte piuttosto che nascondersi nel sottobosco.</p>\n<p>Sulla fronte presentano degli scudi prominenti od altre decorazioni, hanno becchi colorati e molte, ma non tutte, hanno il sottocoda bianco. Come altri ralli, hanno dita palmate.</p>\n<p>Tendono ad avere corte ali arrotondate ed a non essere buone volatrici, sebbene le specie settentrionali siano tuttavia in grado di coprire lunghe distanze; in rare occasioni la folaga americana ha raggiunto la Gran Bretagna e l'Irlanda. Le specie che migrano si spostano solo di notte.</p>\n<p>Grazie alle zampe robuste le folaghe possono camminare e correre velocemente e le loro lunghe dita sono ben adattate alle superfici soffici ed accidentate.</p>\n<p>Questi uccelli sono onnivori e si nutrono soprattutto di vegetali, ma anche di piccoli animali e uova. Durante la stagione degli amori sono aggressivamente territoriali, ma generalmente si possono vedere in stormi numerosi tra la bassa vegetazione dei laghi in cui preferiscono vivere. Negli USA uno stormo di folaghe è noto con il nome di copertura.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1199\nCPU time usage: 0.180 seconds\nReal time usage: 0.273 seconds\nPreprocessor visited node count: 462/1000000\nPreprocessor generated node count: 6157/1500000\nPost‐expand include size: 6293/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1364/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Fulica\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Fulica"},{"id":"wk-8","pos":{"top":5,"left":97},"time":{"start":1360,"end":1390},"art":"Athene noctua","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>La <b>civetta</b> (<i><b>Athene noctua</b></i>, Scopoli 1769), è un uccello rapace notturno della famiglia degli Strigidae.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1148\nCPU time usage: 0.252 seconds\nReal time usage: 0.284 seconds\nPreprocessor visited node count: 463/1000000\nPreprocessor generated node count: 6037/1500000\nPost‐expand include size: 6486/2048000 bytes\nTemplate argument size: 848/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Athene noctua\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Athene noctua"},{"id":"wk-9","pos":{"top":5,"left":97},"time":{"start":1592,"end":1622.8},"art":"Otididae","lang":"it","wiki":"<div style=\"float:left;margin-right:10px\"><img src=\"http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/51/Information-silk.svg/16px-Information-silk.svg.png\"></div><br><div>\n<p>Gli <b>Otididi</b> (<b>Otididae</b> <span style=\"font-variant: small-caps\">Rafinesque, 1815</span>) sono una famiglia di uccelli per lungo tempo classificati tra i Gruiformi, di recente segregati in un ordine a sé stante (<b>Otidiformes</b> <span style=\"font-variant: small-caps\">Hackett et al. 2008</span>)</p>\n<p>La denominazione «otarda» (da <i>Otis tarda</i>, vale a dire «uccello che si muove con lentezza») venne in origine applicata all'esponente più settentrionale e forse meno tipico della famiglia, l'otarda eurasiatica. In realtà il termine è appropriato per l'intera famiglia, essendo tutte le otarde di imprescindibili costumi terragnoli. Le specie più grandi sono per le immense piane steppose africane ed eurasiatiche quello che le gru sono per le paludi di tutto il mondo: uccelli longevi, poco prolifici, di antico lignaggio, assai vicini ai limiti di stazza e peso compatibili con la capacità di volare - nell'universo avicolo, un simbolo dell'adattamento a un habitat stabile.<br>\n</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1117\nCPU time usage: 0.220 seconds\nReal time usage: 0.251 seconds\nPreprocessor visited node count: 458/1000000\nPreprocessor generated node count: 6331/1500000\nPost‐expand include size: 4385/2048000 bytes\nTemplate argument size: 1130/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 12/40\nExpensive parser function count: 0/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Otididae\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Otididae"},{"id":"wk-10","pos":{"top":5,"left":96},"time":{"start":939.9,"end":969.9},"art":"Carbonaio","lang":"it","wiki":"<div>\n<p>Il <b>carbonaio</b> è il mestiere di trasformare la legna in carbone vegetale. Era un mestiere molto diffuso in Italia fino alla metà del secolo scorso, nelle località di montagna e di collina dove c'era abbondanza di legna, che costituisce la materia prima.</p>\n\n\n<!-- \nNewPP limit report\nParsed by mw1130\nCPU time usage: 0.096 seconds\nReal time usage: 0.111 seconds\nPreprocessor visited node count: 146/1000000\nPreprocessor generated node count: 1406/1500000\nPost‐expand include size: 2747/2048000 bytes\nTemplate argument size: 943/2048000 bytes\nHighest expansion depth: 11/40\nExpensive parser function count: 3/500\n-->\n</div><a href=\"http://it.wikipedia.org/wiki/Carbonaio\" target=\"_blank\">Continua a leggere..</a>","title":"Carbonaio"}]}

Selvaggia Estremadura

 

Youdoc per Lipu

Le tue playlist

In questa area puoi vedere tutti i video che hai memorizzato e che ti sono piaciuti e puoi creare playlist personali.
Per accedere a questa area registrati.
Realizzato grazie al contributo del POR FESR Regione Lazio 2007-2013 – Asse I – Avviso Pubblico "Insieme x Vincere" – Prot. Domanda n.SVLAZ-SU-2012-1038 – Codice CUP n. F84E14000930007 e Avviso pubblico per la presentazione di progetti di innovazione delle micro e piccole imprese - Prot. FILAS-MI-2011-1343 del 3/8/2012 – CUP F87I1200233007
Sponsor